Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Fuoco 700e2

Divieto di accendere fuochi causa siccità

Le autorità grigionesi hanno emesso un divieto di accendere fuochi nei boschi e nelle aree limitrofe. A causa della siccità, infatti, il rischio di incendio potrebbe aumentare nei prossimi giorni, informa in una nota l'Ufficio foreste e pericoli naturali del Cantone.

Il nuovo divieto vige nella Valle grigione del Reno, in Prettigovia, nello Schanfigg, nella regione Heinzenberg-Domleschg, nel Grigioni centrale, nello Schams-Albula, nel Rheinwald e in Surselva. Nelle valli meridionali dei Grigioni, così come in Ticino, il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è in vigore invece già dal 9 luglio.

Da diverse settimane, prosegue la nota, non si registrano precipitazioni consistenti e per i prossimi giorni è previsto grande caldo, per cui il rischio di perdere il controllo sui fuochi, con una conseguente rapida propagazione, è molto alto.

Il divieto include il non utilizzo dei focolari destinati alle grigliate, soprattutto in vista della festa nazionale del primo agosto. Le autorità invitano, inoltre, a non gettare a terra mozziconi di sigarette e accendini. "Un miglioramento della situazione è da attendersi solo dopo copiose precipitazioni sull'arco di più giorni", conclude la nota.

Per il momento non sono interessati dal divieto l'Engadina Bassa, l'Engadina Alta, la Val Monastero, Samnaun e la regione Davos-Klosters, tuttavia la situazione viene costantemente monitorata e se necessario il divieto sarà esteso a ulteriori zone.

Grigione Ats
ATS
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenta questo articolo


Codice di sicurezza
Aggiorna

avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Via Ponte San Bartolomeo
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.