Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Sponsor Jenny

Concorso autunno in cornice cellulare f0f06

140983983 Highres Keystone 6346e
Le residenze primarie si trasformano spesso in abitazioni secondarie grazie ad una scappatoia. Ciò malgrado la Legge federale sulle seconde case. (foto archivio)

Abitazioni primarie si trasformano in secondarie

Nelle destinazioni turistiche si sta togliendo spazio abitativo prezioso agli abitanti e al personale perché le residenze primarie vengono trasformate in abitazioni secondarie. La Scuola universitaria professionale dei Grigioni (SUP GR) ne ha fatto oggetto di studio.

Analizzando il numero di unità abitative in cui il fenomeno si verifica, l'istituto di ricerca ha constatato che la conversione avviene nonostante la legge sulle seconde case. La legge federale vieta infatti la costruzione di nuove case secondarie nei comuni in cui la percentuale di queste supera già il 20 percento.

La conversione di residenze primarie in secondarie non è infatti limitata dalla Legge federale sulle residenze secondarie. In questo modo, 32'000 delle 80'000 prime case nelle località turistiche della Svizzera potrebbero essere convertite e vendute con un elevato profitto. Lo scrive il quotidiano Südostschweiz, citando lo studio della SUP GR ed evidenziando che questa soluzione viene già praticata con una certa frequenza.

L'esempio di Flims
Lo dimostra l'esempio del comune grigionese di Flims, località in cui la SUP GR ha esaminato il fenomeno in modo più approfondito. Ogni anno, 22 prime case diventano seconde case. Nel 2022, su 5'200 appartamenti, solo sette risultavano sfitti. Nel contempo a Flims sette appartamenti su dieci sono utilizzati come seconde case. "Siamo alla presenza di una massiccia carenza di alloggi", scrive la SUP GR. Se non vengono costruite nuove residenze primarie, la carenza di offerta di abitazioni potrebbe arrivare a un punto drastico di rottura.

Grazie a questa quota di seconde case, Flims si colloca a livello cantonale e nazionale tra i comuni con la maggiore percentuale di abitazioni secondarie. A livello nazionale, nel 2022 Flims si trovava al 45esimo posto, mentre a quello cantonale era al 17esimo. La situazione è però precaria anche in altri comuni. Nella località turistica di Obersaxen Mundaun (GR), in Val Surselva, nel 2022 non c'era un solo appartamento sfitto.

Basta il cambio di proprietà
La conversione da residenza primaria a secondaria procede di solito in modo silenzioso. Nel suo studio, la SUP GR ha esaminato le cosiddette notifiche di cambio di proprietà. Grazie a questi dati, è riuscita a scoprire il numero di appartamenti che hanno cambiato destinazione d'uso.

Ma anche qui si verifica un problema. Le residenze primarie sono spesso vendute a forestieri. Infatti, se inizialmente sono occupate da persone del luogo, poi figurano ufficialmente come prime case. A lungo termine questi appartamenti non saranno più occupati da persone del posto ma da ospiti in vacanza, scrive la SUP GR. E questa scappatoia permette di ottenere un reddito molto più elevato. Vittime di questa carenza di alloggi sono gli abitanti del posto e il personale delle strutture turistiche.

Home office quale barlume di speranza
Il capo progetto dello studio condotto dalla SUP GR, Norbert Hörburger, ha poi aggiunto che in questo contesto si intravede un barlume di speranza. È possibile infatti che i cambiamenti nel mondo del lavoro - in particolare il lavoro a domicilio - portino ad un maggior utilizzo delle seconde case. Questo, a sua volta, avrebbe un impatto positivo sul valore aggiunto nel settore turistico locale.

In generale, la pandemia ha causato un aumento della domanda di seconde case nella regione alpina svizzera. A Flims, tuttavia, il numero di conversioni da residenza primaria a secondaria negli anni del Covid è stato inferiore rispetto agli anni precedenti. Inoltre, in quel periodo, anche i prezzi delle transazioni immobiliari erano aumentati in modo significativo.

Intervistato dalla Südostschweiz, il direttore dell'economia pubblica dei Grigioni Marcus Caduff ha promesso di voler prestare aiuto ai comuni. Ha però aggiunto che nel Cantone dei Grigioni i terreni edificabili sono ancora disponibili in numero sufficiente.

Redazione 150
Keystone-ATS
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter
Commenta questo articolo


avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Il Grigione Italiano

Strada S. Bartolomeo 1A
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.