Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Sponsor Jenny

210915 mbe GES WieGehtsDir online Banner 918x112px c9595

 Consiglio Federale Ecco La Foto Ufficiale Scattata Con Lo Smartphone Fgo5 0dcbc

La Svizzera rinuncia a inasprire le norme

Dopo avere valutato in modo approfondito la situazione epidemiologica attuale – che resta preoccupante in ragione dell’elevato numero di contagi e della presenza, accertata anche in Svizzera, di due nuovi ceppi di coronavirus – il Consiglio federale è giunto alla conclusione che i provvedimenti adottati il 18 dicembre scorso, ossia la chiusura dei ristoranti e delle strutture per la cultura, lo sport e il tempo libero, sono adeguati e che non è necessario inasprirli.

Conformemente a quanto deciso il 18 dicembre, il Consiglio federale è stato informato per scritto il 30 dicembre sulla necessità di dare o meno una stretta ai provvedimenti di lotta contro il coronavirus. Dopo avere valutato approfonditamente la situazione epidemiologica, è giunto alla conclusione che i criteri stabiliti per un inasprimento non sono soddisfatti. Alla luce delle condizioni attuali, il Consiglio federale ha perciò deciso di rinunciare a ulteriori provvedimenti. Continuerà tuttavia a monitorare la situazione e il 6 gennaio procederà a una nuova valutazione.

Il tasso di riproduzione del virus è attualmente inferiore a 1 (0,86 il 18 dicembre). Questo calo e il numero relativamente moderato di nuove infezioni registrate negli ultimi giorni vanno tuttavia interpretati con molta prudenza: si spiegano infatti perlopiù con il minor numero di test effettuati durante le feste e con il ritardo nelle notifiche dei nuovi casi, delle ospedalizzazioni e dei decessi.

 

Nuovi ceppi di coronavirus

Dopo che due nuovi ceppi di coronavirus sono stati rilevati in Gran Bretagna e in Sudafrica, il 21 dicembre il Consiglio federale ha adottato provvedimenti per impedirne o rallentarne la diffusione in Svizzera. Un accresciuto sequenziamento dei testi positivi ha permesso finora di identificare sette persone infettatesi con queste varianti.

Secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, entrambi i nuovi ceppi sono nettamente più contagiosi della forma conosciuta sinora. Per contro, non vi sono evidenze scientifiche che queste varianti possano provocare un decorso più grave della malattia e nemmeno che possano rendere inefficaci gli attuali vaccini anti-COVID-19.

Il Consiglio federale ritiene che i provvedimenti adottati il 18 dicembre scorso siano fondamentali per limitare il numero di nuove infezioni e rallentare la diffusione dei nuovi ceppi. Le regole d’igiene e di comportamento restano essenziali per proteggersi dal virus e lottare contro l’epidemia.

In questo contesto è inoltre necessario effettuare più test e intensificare gli sforzi per il tracciamento dei contatti. L’Ufficio federale della sanità pubblica, i Cantoni e la task force scientifica lavorano a stretto contatto per adeguare le raccomandazioni agli sviluppi più recenti. Se i nuovi ceppi di coronavirus dovessero diffondersi su scala più ampia, non è da escludere che possano essere adottati provvedimenti supplementari.

Redazione 150
Ufficio federale della sanità pubblica
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter
Commenta questo articolo


avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Strada S. Bartolomeo 1A
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.