Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Sponsor Jenny

210915 mbe GES WieGehtsDir online Banner 918x112px c9595

Coronavirus Test 982c7

Anche la Confederazione stringe i cordoni

In Svizzera la situazione epidemiologica resta estremamente tesa. Il Consiglio federale esorta perciò i Cantoni nei quali la situazione dovesse peggiorare ad agire subito. Nella sua seduta del 4 dicembre 2020 ha inoltre deciso di adottare nuovi provvedimenti per ridurre ulteriormente il numero delle infezioni, in particolare nelle settimane che precedono i giorni festivi. Le regole per i negozi saranno inasprite da mercoledì 9 dicembre e la capienza degli impianti di risalita con posti al chiuso nei comprensori sciistici verrà limitata.

In alcuni Cantoni il numero delle infezioni da coronavirus ristagna a livelli elevati o ha ripreso a crescere. La situazione negli ospedali resta molto tesa: in alcune strutture gli interventi chirurgici non urgenti vengono rimandati e il personale sanitario continua a essere fortemente sollecitato.

Il Consiglio federale è preoccupato per questa evoluzione. Esorta perciò i Cantoni ad agire subito e ad adottare provvedimenti più severi se la situazione dovesse peggiorare o attestarsi a un livello critico. I criteri per valutare l'andamento epidemiologico sono costituiti, tra l'altro, dal numero delle infezioni, dal numero di riproduzione, dal numero di ricoveri in ospedale e dall'incidenza. Il Consiglio federale è convinto che soltanto intervenendo rapidamente è possibile evitare di dover adottare provvedimenti più restrittivi. Nella sua seduta straordinaria dell'8 dicembre procederà a una valutazione intermedia della situazione e l'11 dicembre deciderà se rafforzare i provvedimenti nel caso in cui i Cantoni non avessero nel frattempo preso le misure necessarie.

 

Meno persone nei negozi
Il periodo a ridosso dei giorni festivi, contraddistinto da un incremento degli spostamenti per fare acquisti e da un aumento degli incontri privati, è fonte di ulteriori rischi. Dopo aver consultato i Cantoni, il Consiglio federale ha perciò deciso di rafforzare i provvedimenti sul piano nazionale e modificato di conseguenza l'ordinanza COVID-19 situazione particolare. Per proteggere ancora più efficacemente le persone, il numero di clienti presenti contemporaneamente in un negozio viene ridotto. Dal 9 dicembre e fino a nuovo avviso, la capienza degli esercizi commerciali è ulteriormente limitata: nei negozi di dimensioni più grandi, la superficie minima per persona passa dagli attuali quattro a dieci metri quadrati. Con questo provvedimento s'intende incentivare la popolazione a pianificare in modo più strategico quando fare gli acquisti.

 

Nuove regole per i ristoranti
In tutta la Svizzera diventerà obbligatorio, com'è già il caso in diversi Cantoni, registrare i dati di contatto di un ospite per tavolo. Nella notte di San Silvestro, inoltre, gli esercizi pubblici non dovranno chiudere alle 23, ma potranno rimanere aperti, a titolo eccezionale, sino all'una del mattino. Lo scopo di questo provvedimento è di ridurre i rischi connessi a incontri spontanei in ambito privato.

La pratica del canto è vietata al di fuori della cerchia familiare e della scuola dell'obbligo, sia all'aperto sia nei locali chiusi. Il divieto si applica non soltanto ai cori, ma anche al canto in comune durante i servizi religiosi o nel quadro di determinate usanze di Capodanno.

Il Consiglio federale raccomanda vivamente di limitare a due economie domestiche gli incontri in privato e al ristorante, in modo da ridurre il più possibile i contatti fra le persone. Il limite delle dieci persone è mantenuto. Per ridurre ulteriormente il numero di contatti e i flussi di persone va inoltre attuata in modo sistematico la raccomandazione sul telelavoro. Il Consiglio federale esorta nuovamente i datori di lavoro a permettere, nel limite del possibile, ai lavoratori di lavorare da casa. I lavoratori devono essere il più possibile agevolati nel ridurre al minimo i loro contatti interpersonali a ridosso dei giorni festivi. Questa misura è tanto più opportuna quanto più dovessero essere previsti incontri con persone a  rischio.

 

Comprensori sciistici aperti se i casi d'infezione scendono
I comprensori sciistici devono poter rimanere aperti per il turismo interno. Laddove è critica, la situazione epidemiologica deve essere migliorata con adeguati provvedimenti. Dal 22 dicembre i gestori dovranno richiedere un'autorizzazione al Cantone per l'esercizio dei comprensori sciistici che sarà rilasciata se la situazione epidemiologica lo consentirà e se sono garantite sufficienti capacità nelle strutture ospedaliere, per il tracciamento dei contatti e per i test. I gestori dei comprensori sciistici dovranno inoltre presentare severi piani di protezione in cui siano attuate le prescrizioni uniformate a livello nazionale. L'obiettivo è di evitare una propagazione del virus nelle regioni turistiche.

Ai comprensori sciistici stessi non si applicano limitazioni della capienza. Dal 9 dicembre tutti i mezzi di trasporto chiusi, per esempio treni, cabinovie e funivie, possono però essere occupati soltanto per due terzi della loro capienza. La regola vale sia per i posti in piedi sia per i posti a sedere.

In tutti gli impianti di risalita, anche sulle sciovie e seggiovie, vige l'obbligo della mascherina. Nelle file di attesa deve essere portata la mascherina e rispettata la distanza obbligatoria. Gli ospiti di strutture della ristorazione nei comprensori sciistici possono essere ammessi nei locali chiusi soltanto se è disponibile un tavolo per loro. Ai locali chiusi e alle terrazze continuano ad applicarsi le seguenti regole: cibi e bevande possono essere consumati soltanto stando seduti e a un tavolo sono ammesse non più di quattro persone, fatta eccezione per i genitori con figli.

I Cantoni sono tenuti a controllare il rispetto delle regole: se riscontrano problemi di rilievo, devono ingiungere ai gestori dei comprensori sciistici di porvi rimedio e, se le irregolarità persistono, revocare loro l'autorizzazione. I Cantoni devono inoltre riferire alla Confederazione sul numero di controlli effettuati, di ingiunzioni emesse e di autorizzazioni revocate e sul grado di occupazione degli ospedali.

Redazione 150
Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter
Commenta questo articolo


avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Strada S. Bartolomeo 1A
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.