Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Sponsor Jenny
Vitus Huonder 1efeb

Ora è ufficiale: Vitus Huonder non è più vescovo

Ora è ufficiale: Vitus Huonder non è più vescovo di Coira, dopo dodici anni di servizio alla testa della diocesi più grande della Svizzera. Papa Francesco ha nominato l'alto vallesano Peter Bürcher, 73 anni, amministratore apostolico. Assumerà la carica ad interim fino a quando la successione non sarà regolata.

Il Pontefice ha accettato le dimissioni del 77enne Huonder, ha annunciato oggi in un comunicato la Diocesi di Coira. Bürcher condurrà in una prima fase discussioni interne al fine di familiarizzarsi con la diocesi e al più tardi nella prima settimana di giugno incontrerà i media, aggiunge la nota.

Il nuovo amministratore apostolico è nato a Fiesch, nell'Alto Vallese, il 20 dicembre 1945. Nel 1971 ha ottenuto la licenza in teologia a Friburgo e nello stesso anno è stato ordinato sacerdote a Ginevra. Nel marzo 1994 è stato nominato vescovo. Inizialmente ha svolto la funzione di vescovo ausiliare nella diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo. Successivamente è stato vescovo di Reykjavik, carica a cui ha rinunciato nell'ottobre 2015 perché una grave polmonite lo ha indotto a lasciare l'Islanda.

Secondo un messaggio scritto da Bürcher e inoltrato dalla Diocesi ai suoi membri, si tratta di un mandato di "qualche mese". La nomina è stata per lui una "completa sorpresa". Come vescovo emerito, quindi in pensione, aveva ambito a un poco di riposo, ma il Papa ha deciso diversamente. L'amministratore apostolico rivolge un saluto speciale a "coloro che sono delusi dopo le numerose notizie negative riguardanti, ad esempio, i casi di abuso della loro chiesa o in generale la loro vita, come pure alle persone che soffrono fisicamente o nell'anima".

Hounder lascia quindi oggi la sede vescovile di Coira. Come annunciato in gennaio, si ritira nell'Istituto scolastico maschile Santa Maria di Wangs della Fratellanza Sacerdotale di San Pio X, è stato indicato oggi a Keystone-ATS. L'istituto è situato circa 25 km a nord del capoluogo grigionese nel canton San Gallo. 

Il vescovo aveva fatto richiesta di pensionamento nell'aprile del 2017, al raggiungimento dei 75 anni di età, come previsto dal diritto canonico. Papa Francesco aveva accettato ma solo a partire dalla Pasqua del 2019.

Vitus Huonder, nato a Trun nella regione grigionese della Surselva il 21 aprile 1942, era stato nominato alla guida della diocesi di Coira l'8 luglio 2007 da papa Benedetto XVI - che aveva dato il suo beneplacito alla scelta del Capitolo cattedrale di Coira per la successione di Amedeo Grab, ritiratosi per motivi di età. In precedenza Huonder aveva fatto carriera nella diocesi sotto il vescovo Wolfgang Haas. Era generalmente descritto già prima della nomina a vescovo come un conservatore fedele alla linea di Roma.

I cattolici della diocesi di tendenze più liberali hanno criticato ripetutamente la sua linea conservatrice. Durante il suo incarico Huonder si è infatti più volte contraddistinto per le posizioni rigide in materia di sessualità e famiglia. Ad esempio nel 2014 un gruppo di fedeli aveva manifestato chiedendo la sua rimozione dall'incarico e alcune organizzazioni cattoliche nazionali avevano denunciato discriminazioni di importanti gruppi di fedeli, come gli omosessuali e i divorziati che intendono risposarsi. Nel 2015 aveva nuovamente fatto parlare di sé per aver rimosso il parroco di Bürglen, un piccolo comune del canton Uri, che aveva dato la sua benedizione ad una coppia lesbica che conviveva da tempo.

Grigione Ats
ATS
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter

Commenta questo articolo


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti  

#1 damiano gianoli 20.05.2019 21:25
Be, un problema in meno, bravo papa Francesco.

avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Via Ponte San Bartolomeo
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.