Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Franco Svizzero 97e1f

Perequazione 2019: 270 milioni ai Grigioni

Nel 2019 la Confederazione e i Cantoni finanziariamente forti metteranno a disposizione dei cantoni più deboli 5,221 miliardi, il 2,6% in più rispetto a quest'anno. Il Ticino riceverà 42,982 milioni, circa 1,65 milioni in più, mentre l'importo versato ai Grigioni sarà di 270,088 milioni, quasi 2 milioni in più. I calcoli saranno ora sottoposti ai cantoni che esprimeranno il loro parere.

L'Amministrazione federale delle finanze (AFF) ha adeguato i versamenti di compensazione dei cantoni per il 2019 basandosi sull'evoluzione del potenziale delle risorse e il rincaro per la compensazione degli oneri.

Cantoni ricchi...

I cantoni considerati ricchi della Svizzera tedesca saranno chiamati a versare contributi più pingui: in testa nella classifica dei versamenti di compensazione netti rimarrà Zurigo, con un importo di 487,176 milioni (+25,5 milioni rispetto al 2018), davanti a Zugo (329,430 milioni; +16,7 milioni). Calcolato pro capite è tuttavia quest'ultimo cantone a dover versare di più: 2'727 franchi (+98 franchi). Ginevra, terza nella classifica dei donatori, dovrà sborsare 299,804 milioni (+2 milioni).

... e cantoni beneficiari

Sul fronte opposto il maggiore beneficiario dei fondi perequativi sarà una volta ancora Berna, che incasserà 1,187 miliardi (seppur 85 milioni in meno rispetto al 2018). Tra i cantoni romandi riceverà più soldi il Vallese (730,216 milioni contro 695,683 l'anno scorso) e meno Friburgo (380,6 milioni contro 387,1). Il maggior contributo pro capite spetta tuttavia al Giura (2'288 franchi).

Indice delle risorse

Rispetto al 2018, 10 Cantoni presentano un aumento dell'indice delle risorse, mentre in 14 è diminuito e in due è rimasto invariato. Nel 2019 gli incrementi più marcati riguarderanno Obvaldo (+16,9 punti dell'indice delle risorse), Appenzello Interno (+3,6 punti) e Zugo (+3,6 punti). I cali più netti concerneranno Neuchâtel (-3,8 punti), Soletta (-1,6 punti) e Argovia (-1,5 punti). In Ticino si registrerà un lieve calo (-0,3 punti), mentre nei Grigioni un leggero aumento (+0,1 punti).

L'obiettivo della dotazione minima dell'85% della media svizzera è ampiamente superato da tutti i cantoni finanziariamente deboli, precisa ancora l'AFF. Dopo la perequazione delle risorse il Cantone finanziariamente più debole (Giura) raggiungerà un indice di 88,2 punti.

Oneri speciali

I Cantoni con oneri speciali riceveranno dalla Confederazione 724 milioni (362 per compensare le particolari condizioni geotopografiche e altrettanti per le caratteristiche sociodemografiche). La compensazione dei casi di rigore ammonterà a 280 milioni. Complessivamente - come detto - i versamenti per l'anno prossimo ammonteranno a 5,221 miliardi, circa 132 in più rispetto al 2018.

Il Ticino riceverà 42,982 milioni, di cui 15,934 per la perequazione delle risorse e altri 31,015 per la compensazione degli oneri. In compenso dovrà versare 3,967 milioni per i casi di rigore.

Dal canto loro, i Grigioni otterranno 270,088 milioni: 134,863 per la perequazione delle risorse, 137,662 per gli oneri e dovranno versare 2,437 per i casi di rigore.

CDCF si esprimerà a fine settembre

La Conferenza dei direttori cantonali delle finanze (CDCF) si pronuncerà su questi calcoli in occasione dell'assemblea plenaria del 28 settembre e presenterà un rapporto al Dipartimento federale delle finanze (DFF). Le cifre fornite oggi quindi potrebbero ancora cambiare. Il Consiglio federale adeguerà poi l'ordinanza sulla
perequazione finanziaria e la compensazione degli oneri (OPFC) in base ai nuovi valori.

Grigione Ats
ATS
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenta questo articolo


Codice di sicurezza
Aggiorna

avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Via Ponte San Bartolomeo
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.