Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Sponsor Jenny

Concorso autunno in cornice cellulare f0f06

Direzione Scuola Cantonale Grigione Edda6
La direzione della Scuola cantonale Grigione in movimento

Federico Godenzi prorettore della Scuola cantonale

12-01-2023

Con la fine dell'anno scolastico 2021/22 il Dottor Giancarlo Sala ha lasciato la Scuola cantonale grigione di Coira dopo decenni d’insegnamento e dopo anni alla Direzione quale Prorettore; ad inizio agosto gli è succeduto nella carica di membro della Direzione e Prorettore di lingua italiana il collega Federico Godenzi. Cogliamo l’occasione per una breve intervista a entrambi.

Per chi non conosce il ruolo del Prorettore, quali funzioni svolge presso la Scuola cantonale grigione?
(Federico Godenzi - FG) Le mansioni svolte dalle Prorettrici e dai Prorettori della Scuola cantonale grigione sono molteplici; in primis affiancano il Rettore nella gestione della scuola e del personale, nell'organizzazione dell'anno scolastico, nel coordinamento dei vari compiti e sono un punto di riferimento per tutte le e tutti gli insegnanti e per tutte le studentesse e tutti gli studenti che hanno bisogno. A questi lavori si aggiungono poi  incarichi specifici e individuali come la direzione della Scuola specializzata, della Scuola media commerciale o del Ginnasio-Liceo inferiore, il coordinamento degli esami di ammissione, la gestione della qualità, l'organizzazione dei lavori di maturità e dei lavori di diploma o delle scelte delle materie specifiche e complementari, la comunicazione e la traduzione di tutti i documenti ufficiali in italiano e in romancio, il contatto con la Mensa e il Convitto e molti altri…

Con il vostro passaggio di consegne muterà qualcosa?
(FG) Non credo cambierà molto. Ho avuto il piacere di collaborare per più di dieci anni con Giancarlo Sala quale insegnante prima e Prorettore poi e so che per quanto riguarda le questioni legate alla tutela e al sostegno delle studentesse e degli studenti, grigionitaliani ma non solo, la pensiamo allo stesso modo.
Ci saranno forse con il tempo cambiamenti di mansioni e nuovi incarichi per me, visto il continuo evolvere delle sfide e delle responsabilità da gestire, ma all'interno della Direzione regna un ottimo clima, ogni membro conosce i compiti che gli spettano e si comunica rapidamente e chiaramente gli uni con gli altri. Siamo un team affiatato e sono certo che avrò anche in futuro un ottimo sostegno non solamente all'interno della Direzione ma anche di tutto il collegio.

È soddisfatto del suo lavoro come Prorettore? E perché?
(GS) Come in tutte le cose, ma specialmente nel mondo della scuola, è fondamentale lasciare alle/ai discenti il compito di valutare l’operato di un loro insegnante. Da parte mia ho sempre cercato di dare del mio meglio, sia come professore che come Prorettore. In quest’ultima funzione, parzialmente in retrovia dal fronte dell’insegnamento, ma con maggiore influsso sul posizionamento dell’intera italianità alla Scuola cantonale grigione, ho potuto continuare a consolidare lo spirito grigionitaliano e italofono. Mi sono reso conto che dove siamo presenti, veniamo tenuti in considerazione e presi sul serio dalla maggioranza tedescofona. Sono fermamente convinto, come già Arnoldo Marcelliano Zendralli (professore alla Scuola cantonale dal 1911 al 1953 e fondatore della Pro Grigioni Italiano nel 1918) aveva intuito e promulgato, che la migliore coscienza grigionitaliana nasce e si sviluppa tra mesolcinesi, calanchini, bregagliotti e poschiavini, durante gli anni di formazione alla Scuola cantonale a Coira e in Convitto.  Esprimo qui dunque la mia gratitudine anche ai genitori delle nostre studentesse e dei nostri studenti per la fiducia accordata da sempre alla Scuola cantonale grigione e a tutte e tutti coloro che mi hanno costantemente sostenuto.
Gli ultimi anni del mio mandato, con il sopravvento della crisi pandemica, sono stati particolarmente difficili per l’intera Direzione, ma siamo orgogliosi di essere riusciti a superare ogni genere di difficoltà connessa. Va inoltre messo in risalto l’impeccabile contegno assunto da tutte le nostre studentesse e dai nostri studenti che hanno saputo sopportare stoicamente per un lunghissimo periodo “il fardello” delle mascherine.  Ora siamo fortunatamente tornati a una certa normalità. Per questo sono molto felice di aver potuto passare il testimone in un momento finalmente più sereno al collega Federico Godenzi, il quale saprà certo continuare con le sue capacità e il suo spirito d’iniziativa, con il supporto delle sue colleghe e dei suoi colleghi di lingua italiana e dell’intero collegio docenti, a tenere alti i nostri valori identitari nel nostro meraviglioso cantone istituzionalmente trilingue. Gli rivolgo da queste colonne i migliori auguri di buon proseguimento nel suo incarico di Prorettore!

L’intervista completa è disponibile sull’edizione numero 2 di giovedì 12 gennaio 2023 del nostro giornale cartaceo.

Redazione 150
Giovanni Ruatti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter
Commenta questo articolo


avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Il Grigione Italiano

Strada S. Bartolomeo 1A
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.