Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Foto: © wowkwasyl - Fotolia.com

Importazione illegale di pollame

29-03-2018

L'Ufficio per la sicurezza delle derrate alimentari e la salute degli animali constata ripetutamente che viene importato illegalmente del pollame proveniente dall'Italia, cosa che comporta spese per gli interessati nonché misure amministrative e penali.

Cogliamo l'occasione per fornire informazioni relative alla procedura corretta.

L'importazione in Svizzera di pollame proveniente dall'UE deve sempre essere confermata tramite un certificato TRACES debitamente compilato secondo la direttiva 2009/158/CE. Questa attestazione veterinaria comprende anche le garanzie supplementari per la malattia di Newcastle (NCD) e viene rilasciata dal veterinario ufficiale del Paese d'origine.

Sono considerati pollame galline, tacchini, faraone, anatre, oche, quaglie, fagiani, pernici e struzzi – indipendentemente dallo scopo di utilizzo o dal numero di animali da importare – nonché i piccioni allevati allo scopo di produrre carne.

Dopo l'importazione ha luogo una sorveglianza veterinaria. È possibile rinunciare a questa sorveglianza, ma non al certificato TRACES, se vengono importati meno di 20 volatili e se questi vengono importati da persone che complessivamente non allevano più di 50 volatili.

Informazioni supplementari sono disponibili all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure 081 257 24 15.

Ufficio per la sicurezza delle derrate alimentari e la salute degli animali
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenta questo articolo


Codice di sicurezza
Aggiorna

avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Via Ponte San Bartolomeo
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.