Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Sponsor Jenny

210915 mbe GES WieGehtsDir online Banner 918x112px c9595

 

Concorso autunno in cornice cellulare 5f741

Console NL Grigri 7881 4d3b5

Il 100% Valposchiavo stuzzica l’Olanda

A margine di un incontro istituzionale tra il Governo cantonale e i rappresentanti consolari del Benelux – macroregione che raggruppa i territori di Belgio, Olanda e Lussemburgo – che ha avuto luogo ieri a Coira, l’ambasciatrice in Svizzera del Regno dei Paesi Bassi, Hedda Samson, ha espressamente chiesto di poter visitare la nostra Valle per conoscere il progetto 100% (Bio) Valposchiavo. Richiesta che ovviamente sia le autorità cantonali, sia quelle regionale sono state ben liete di accontentare. «Ho avuto occasione – ha raccontato la console Samson – di leggere su un giornale del vostro progetto 100% (Bio) Valposchiavo. Ho reputato l’iniziativa molto interessante e ho deciso che volevo saperne di più. Per organizzare questa mia uscita ci sono voluti quasi due anni, ma sono molto felice di essere riuscita a soddisfare questo mio desiderio. Considerato la tematica ho chiesto a Peter Vermeij, attaché consolare per l’agricoltura di stanza a Berlino e responsabile per la Germania, Svizzera, Danimarca, Norvegia e Svezia, di accompagnarmi. Lui ha aderito con grande entusiasmo e interesse alla mia proposta. Sono molto impressionata – ha concluso Samson – da quanto ho potuto ammirare e credo veramente che abbiate sviluppato un modello economico sostenibile che merita di essere conosciuto e, laddove possibile, replicato». Parole lusinghiere che hanno toccato nell’orgoglio i promotori del progetto.

I due diplomatici olandesi in Svizzera sono stati accolti a Poschiavo dal Podestà nonché vicepresidente della Regione Bernina Giovanni Jochum, dal segretario regionale e coordinatore del progetto 100% (Bio) Valposchiavo Francesco Vassella, dal responsabile cantonale del settore politica agraria Peter Vincenz. Assieme hanno dapprima illustrato ai due ospiti i fondamenti del progetto 100% (Bio) Valposchiavo e quindi li hanno accompagnati in un’uscita sul territorio che prevedeva le visite dell’Erboristeria Raselli a Le Prese e della Macelleria Branchi a Brusio.

Arrivata leggermente in ritardo – a causa delle condizioni atmosferiche che l’hanno indotta a preferire il treno rispetto all’automobile – l’ambasciatrice è stata così costretta, suo malgrado, a cedere il compito d’intrattenersi più ampiamente coi presenti al consulente di politica agraria Peter Vermeij, giunto a Poschiavo in anticipo. «Il sistema agrario olandese così com’è concepito oggi – ha spiegato Vermeij – non è più sostenibile. Abbiamo fatto grandi passi avanti per quel che riguarda le coltivazioni con le nostre serre hi-tech, ma non è ancora sufficiente. Dobbiamo riuscire a sviluppare un sistema che valorizzi maggiormente da un canto la biodiversità e dall’altro la professionalità e le capacità imprenditoriale dell’agricoltore e del contadino. Attualmente i margini di guadagno per gli agricoltori sono troppo esigui e così in molti continuano a puntare su un modello di agricoltura intensiva. Non deve pertanto sorprendere se in Olanda possiamo vantare un tasso di conversione al biologico molto basso, quasi trascurabile. È un retaggio che abbiamo ereditato dall’immediato dopoguerra, quando i terreni agricoli vennero divisi in piccoli appezzamenti per soddisfare le richieste di tutta la popolazione. Avendo poco terreno a disposizione non è rimasta altra soluzione se non quella di far fruttare al massimo quanto si aveva. Le conseguenze adesso iniziano a manifestarsi, ma con esse anche i problemi che impediscono oppure rallentano il cambiamento. Il mondo della politica, pertanto, è chiamato a una grande sfida. Da un canto vi è la necessità di valorizzare l’agricoltura sostenibile, mentre dall’altro pesa la poca disponibilità del consumatore – e non solo quello olandese considerate le quantità di prodotti agricoli che esportiamo – a pagare di più per determinati prodotti. Un timore che si ripercuote sull’umore anche degli agricoltori che faticano ad allontanarsi dall’attuale modello per i timori più che legittimi di non riuscire a sopravvivere. Una situazione conosciuta in tutta Europa e che è inserita ai primi posti nell’agenda di diverse nazioni. Quanto ho potuto ammirare in Valposchiavo oggi è un ottimo esempio di come il cambiamento e la sostenibilità siano attuabili. Certo, voi siete partiti – ovviamente per vostro merito – da una situazione ideale e agite in un microcontesto che vi facilita. Ciò non toglie che la filosofia che avete sviluppato è realmente innovativa e lungimirante. La vostra esperienza potrà essere utile per sviluppare nuovi modelli. In particolare ciò che va evidenziato e che rende tanto prezioso il vostro progetto è che il tutto è partito dal basso, non vi è stata un’imposizione. Credo fermamente che se vogliamo cambiare il nostro modo di fare agricoltura – o anche economia – sia necessario che l’impulso parta dalla base. Il ruolo della politica deve essere quello di sostenere – sia finanziariamente, sia ideologicamente, sia giuridicamente e vi di seguito – le buone pratiche che partono dal territorio. Una nuova agricoltura, un nuovo modo di rapportarsi al territorio è possibile e voi lo state dimostrando».

Grigione Antonio Platz
Antonio Platz
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter
Commenta questo articolo


avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Strada S. Bartolomeo 1A
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.