Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Sponsor Jenny
Morchelle 05a63
Morchella conica - Foto di Antonio Giuliani

Primi funghi in Valposchiavo: le morchelle

I funghi trovati da Antonio Giuliani in Valposchiavo sono le morchelle e più precisamente si tratta della specie "morchella conica". Un tempo in Valposchiavo  (intorno agli anni della grande alluvione 1987) questi funghi erano molto frequenti e se ne potevano raccogliere grandi quantità. La morchella conica trova il suo habitat ideale nei terreni sabbiosi e nelle vicinanze dei corsi d'acqua. Antonio Giuliani afferma: "Conoscevo già questo fungo ma la conferma della crescita in Valposchiavo mi era stata data da una mia allieva che aveva portato a scuola delle morchelle. La sua famiglia non conosceva questo fungo ed era stato scartato attribuendo la bontà solo ai porcini o ai gallinacci. In passato ce ne erano moltissimi nella zona dell'Annunziata e anche lungo le rive del lago di Poschiavo".

Le morchelle sono i primi funghi che iniziano a spuntare e nonostante i cambiamenti climatici restano stabili sul periodo di maggio. In Valposchiavo la morchella conica è sicuramente la più frequente, mentre la morchella esculenta è diventata piuttosto rara.

Antonio Giuliani continua: "Un segnale della loro crescita è rappresentato dall'inizio dei trattamento contro i miceti degli alberi da frutto in Valtellina. Quando si verifica questo periodo allora in Valposchiavo è tempo di raccogliere le morchelle. Sono tra i primi funghi commestibili che spuntano. Si trovano anche sui maggesi (1300-1500 m.s.l.m.) e sempre a maggio". 

Le morchelle a livello di prezzo sul mercato sono molto più care rispetto ai funghi porcini. Le morchelle sono funghi molto ambiti perché ben si prestano ad essere cucinati soprattutto nei primi piatti. Il risotto con le morchelle è molto apprezzato e appetitoso. Le morchelle o spugnole devono essere consumate solo dopo un’accurata bollitura. Questo procedimento è infatti in grado di eliminare una tossina che contengono e renderle così commestibili senza alcun tipo di problema. 

Silvia Corradini, micologa, spiega: "Le morchelle sono ottimi funghi commestibili ma che necessitano di alcuni accorgimento nel consumo poiché richiedono cottura prolungata (30-35 minuti) e non devono essere assunte in modo esagerato e in pasti ripetuti vicini. I disturbi che possono dare, se non ci si attiene a queste indicazioni, possono essere di tipo gastroenterico (e comparire entro 2-3 ore) e di tipo neurologico (dopo 10-12 ma anche fino a 36 ore). In quest’ultimo caso  la sindrome si  può manifestare con tremore, ebbrezza, disturbi dell’equilibrio, vertigini, cefalea, disturbi visivi, iperestesie, raramente allucinazioni, convulsioni. Per fortuna si tratta di una sindrome reversibile, la sintomatologia solitamente si normalizza nelle 12 ore successive (al massimo in 72 ore) e normalmente non è necessario ricovero ospedaliero."

 

 

 

 

Serena Visentin
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter

Commenta questo articolo


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti  

#1 Alcide 12.05.2019 09:53
Caro Antonio.Mi hai fatto venire i'acquolina in bocca..Ho mangiato una volta in Romandia la minestra di spugnole.Cosa da"non morire".
ho trovato morchelle in giugno a 2000 m. (Vartegtna)

avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Via Ponte San Bartolomeo
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.