Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Televisione 82d6a

È la televisione a farla da padrona

È la televisione a influire maggiormente nella formazione dell'opinione pubblica degli svizzeri, in particolare a sud delle Alpi, davanti alla carta stampata, alla radio e ai media online. È quanto emerge dal monitoraggio annuale 2017 realizzato dall'Ufficio federale della comunicazione (UFCOM), che per l'occasione ha presentato un nuovo e dettagliato sito dedicato alla tematica (www.monitoraggio-media-svizzera.ch).

Malgrado la concentrazione in atto, secondo gli autori - la società Publicom - non c'è un pericolo imminente che un'impresa influenzi oltremisura la popolazione. Anche se l'offerta mediatica è nettamente più ampia nella Svizzera tedesca rispetto a quella francofona e italofona, il pubblico dispone ancora di sufficienti alternative per soddisfare il bisogno di informarsi, è stato sottolineato in conferenza stampa a Berna.

A farla da padrona in questo ambito è la televisione, soprattutto nella Svizzera latina e ancor più nella "regione Ticino" - che nell'analisi comprende anche il Moesano - davanti a radio, stampa e media online, che chiudono la classifica. Se a livello nazionale la TV influenza l'opinione nella misura del 32%, a sud del San Gottardo lo fa con una quota del 40%. Va comunque rilevato come quello televisivo sia un pubblico sempre più anziano, mentre i giovani si informano maggiormente attraverso internet.

A livello aziendale la più influente resta la SSR, davanti al gruppo Tamedia. Prendendo in considerazione il singolo organo di stampa, a guidare la classifica a livello nazionale è però il gratuito 20 minuti (di Tamedia) nelle tre lingue, che la spunta sui programmi radiofonici e televisivi della SSR. Oltre a questi, nella Svizzera tedesca spicca il peso del Blick e del Tages Anzeiger, in Romandia di testate come Le Matin (che ha pubblicato il suo ultimo numero su carta lo scorso 21 luglio) e 24 Heures.

In Ticino e Moesano, alle spalle di RSI LA1 troviamo il Corriere del Ticino, seguito da Rete Uno. Nella fascia di età compresa fra i 15 e i 29 anni al secondo posto c'è però 20 minuti e al terzo Rete Tre, mentre fra i 60-79enni, RSI LA 1 è davanti a Rete Uno e Corriere del Ticino.

I due grandi gruppi, SSR e Corriere del Ticino, influenzano l'opinione in Ticino e Moesano nella misura del 57%. Seguono le altre aziende, che riunite detengono una quota del 30%. Fra queste figurano anche un pugno di emittenti televisive estere, in particolare italiane. Nei Grigioni, senza il Moesano, guida la classifica SRF1, davanti a Radio SRF 1 e alla Südostschweiz. 

Pericolo uniformazione

Nonostante i risultati complessivamente soddisfacenti, in futuro sarà posta particolare attenzione alla formazione dell'opinione pubblica in Svizzera, hanno annunciato gli autori dell'analisi, ponendo l'accento sull'invecchiamento del pubblico televisivo e sulle sfide future che attendono la SSR.

Altro aspetto da non sottovalutare è la costante tendenza all'uniformazione dei contenuti redazionali che consente ad alcune aziende mediatiche di esercitare un notevole potere sull'opinione dei cittadini con contenuti sovraregionali e sistemi locali con propria testata.

Osservati speciali in questo ambito saranno le testate satelliti cantonali della Luzerner Zeitung (Gruppo NZZ) nella Svizzera centrale e i due sistemi di sottoedizioni locali proposti dalla Südostschweiz (Somedia) nello spazio mediatico Grigioni e dal St. Galler Tagblatt (NZZ) in quello sangallese.

ATS
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenta questo articolo


Codice di sicurezza
Aggiorna

avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Via Ponte San Bartolomeo
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.