Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Rega Elicottero2 7c648
Foto d'archivio

Concluse operazioni di recupero vittime e rottami

Si sono concluse le operazioni di recupero delle vittime dell'incidente aereo avvenuto sabato nei Grigioni. Anche i rottami del velivolo, uno Ju 52, e gli effetti personali dei 17 passeggeri e dei 3 uomini dell'equipaggio morti nello schianto sono stati trasportati a valle, ha indicato oggi pomeriggio il Ministero pubblico della Confederazione (MPC).

I sentieri della zona del Piz Segnas, teatro della tragedia, sono di nuovo percorribili. Alle 18.00 verrà inoltre nuovamente reso agibile lo spazio aereo della regione, che era stato bloccato dall'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC).

I lavori di recupero si sono conclusi grazie all'impegno straordinario, sia dal profilo psichico che da quello fisico, di tutte le persone intervenute, sottolinea la procura federale in un comunicato. Sono state coinvolte la polizia grigionese, il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI), i pompieri, la Rega, l'aeronautica militare, il Club Alpino Svizzero, la protezione civile, il Care Team Grischun, il comune di Flims e l'Ufficio cantonale per la natura e l'ambiente. 

Con il coordinamento dell'MPC avverrà ora l'identificazione formale delle 20 vittime e verranno proseguite le indagini sul sinistro. L'inchiesta penale della procura federale avviene in parallelo con le indagini effettuate dal SISI, chiamato a stabilire la causa di quanto successo. Questi accertamenti dureranno diverse settimane o addirittura mesi, precisa l'MPC.

Grigione Ats
ATS
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenta questo articolo


Codice di sicurezza
Aggiorna

avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Via Ponte San Bartolomeo
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.