Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento

Concorso caccia 2020 telefonino bb9f0

Lucas Niggli Residenza Uncool Poschiavo Giugno 2020 Cc01b

Primo evento post lockdown con Lucas Niggli

11-06-2020

Lucas Niggli è un musicista di spicco della scena svizzera ed europea del jazz, della musica contemporanea e improvvisata che si esibisce in tutto il mondo con le più svariate formazioni e negli stili più disparati. Confinato come tutti, il concerto in programma sabato 13 giugno a Poschiavo  (ore 17.00, giardino casa Hasler, via da la Pesa 8, con qualsiasi tempo) è per lui il primo dopo il lockdown dovuto alla crisi del coronavirus. 

Lucas Niggli, come mai sei a Poschiavo?

È stata una decisione molto spontanea, dovuta al lockdown internazionale. Ho infatti potuto subentrare al posto di un artista americano che non ha potuto viaggiare a causa della situazione. Per me, dopo che sono stato a casa per due mesi, anch’io in confinamento obbligato, era un’occasione mervigliosa per lavorare e concentrarmi sul mio lavoro in un altro posto, un’opportunità veramente ideale. Per lavorare, la residenza-atelier di Cornelia Müller è assolutamente perfetta anche per un batterista/percussionista, inoltre la gente del posto, la valle e la natura costituiscono un ambiente molto stimolante. Ecco perché sono a Poschiavo. Poschiavo già la conoscevo, infatti anni fa avevo già potuto suonare qui nell’ambito del Festival uncool. Insomma, una relazione con la Valposchiavo già l’avevo.

Un solo di batteria: che cosa dobbiamo immaginarci?

Io considero la batteria come un’intera orchestra e per me è molto molto di più di un semplice strumento per tenere il tempo o una groove machine, uno strumento puramente ritmico. Per me la batteria è come uno strumento melodico e nel mio concerto solo entrano in gioco estremamente tanti influssi, di tipo stilistico e geografico (in senso lato e figurativo), ma anche relativi alla provenienza degli strumenti, ai ritmi, il mio solo di batteria rappresenta praticamente qualcosa come un viaggio. Io il pubblico lo conduco attraverso un viaggio virtuale in tutti i luoghi (non solo geografici) dove sono stato negli ultimi 30 anni, un viaggio in cui racconto la mia storia. Quando suono in assolo mi vedo come un contastorie senza parole, che con la sua musica traccia grandi archi drammaturgici, offrendo un ampio spettro dinamico. Cerco di essere un batterista emancipato. 

Come ti prepari per un concerto come questo?

Durante queste tre settimane a Poschiavo raccolgo tanto materiale e, per così dire, ne riempio il mio zaino. Al concerto stesso, ci sono alcuni “luoghi” che desidero raggiungere, ma come ci arrivo e se ci arrivo, non lo so. La maggior parte del concerto è improvvisata, ma so che il mio bagaglio è pieno. Questa è un’attitudine del jazz e della musica improvvista. E questo fa sì che ogni concerto sia un momento unico, perché non è parte di una routine ed è pieno di rischi. Anche il pubblico e il luogo sono parte integrante del concerto, riesco bene a sentirli, a percepirli e a rispondervi, entrare in sintonia con loro. È un po’ come quando si va in gita e si guarda che lo zaino sia pieno, utilizzando non tutto, di modo che resti qualcosa da portare a casa.

Come hai vissuto il periodo del coronavirus?

È stato veramente brutale passare praticamente da 100 a 0. Per me era alta stagione di concerti, ho dovuto annullare numerose tournée internazionali. Questa frenata completa è stata violenta, anche se all’inizio sono anche riuscito ad approfittare di questa pausa. Solo col tempo mi sono reso conto che a medio e lungo termine questa situazione comporta grandi cambiamenti. Non mi sono però precipitato in un “attivismo vuoto” con la produzione di streaming e simili. Trovo che chi non sa tacere adesso, non avrà nulla da dire nemmeno dopo. Col tempo ho cominciato a prendere questo periodo con calma, naturalmente con momenti di crisi. Dopo tre mesi passati senza concerti live, ora mi rallegro estremamente di poter dare questo concerto!

www.lucasniggli.com

Grigione Paola Gianoli
Paola Gianoli
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter
Commenta questo articolo


avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Via Ponte San Bartolomeo
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.