Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Sponsor Jenny
Tribunale 5ca8e

Commissione chiude prima inchiesta

La Commissione parlamentare d'inchiesta (CPI) sul cartello dell'edilizia grigionese ha concluso l'indagine concernente l'intervento di polizia nei confronti di Adam Quadroni, l'imprenditore edile che nel 2018, con le sue rivelazioni, portò alla luce lo scandalo degli appalti truccati.

LA CPI ha iniziato il proprio lavoro un anno fa: l'organo, votato all'unanimità dal Gran Consiglio, è nato il 13 giugno 2018 con lo scopo di indagare sullo scandalo degli appalti truccati nel settore delle costruzioni in Bassa Engadina, scoperti dalla Commissione federale della concorrenza (COMCO). Da allora la CPI si è riunita oltre 40 altre volte e ha svolto circa 80 ore di interrogatori, scrive la commissione stessa in una nota odierna, concludendo le operazioni d'inchiesta relative ad Adam Quadroni.

Durante l'estate sarà redatto il rapporto parziale. In seguito le persone coinvolte avranno la possibilità di prendere posizione. Il rapporto parziale sarà presentato al Gran Consiglio presumibilmente nella sessione di dicembre 2019.

Parallelamente è in corso un'inchiesta sul ruolo di membri del Governo e di collaboratori dell'amministrazione e loro possibili responsabilità in relazione a procedure di aggiudicazione nell'edilizia. Da verificare è anche se la vigilanza interna abbia operato correttamente.

Chi disponesse di indicazioni che potrebbero essere rilevanti per l'attività della CPI, ricorda la commissione, è invitato a mettersi in contatto tramite il sito web www.pukbaukartell.ch.

Grigione Ats
ATS
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter

Commenta questo articolo


Codice di sicurezza
Aggiorna

avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Via Ponte San Bartolomeo
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.