Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Sponsor Jenny

220505 sc GES ComeStai Stressato Banner 918x112px c1304

Camera Albergo F15b5

Carenza di personale in alberghi e ristoranti

Gli alberghi e i ristoranti grigionesi si trovano a corto di personale. L'ondata della variante Omicron ha causato la chiusura parziale o totale di alcune strutture. Hotelleriesuisse Grigioni prevede una "situazione al cardiopalma" per tutto l'inverno.

"Il problema è molto serio", ha detto il presidente di Hotelleriesuisse Grigioni Ernst Aschi Wyrsch, in risposta alle varie notizie dei media sulla carenza di personale. Il settore aveva già iniziato la stagione con organici ridotti per problemi di reclutamento legati al coronavirus. Ora questi contagi da covid si sommano alle solite malattie invernali.

Nel medesimo tempo, l'industria alberghiera ha registrato un aumento del 20% di ospiti rispetto all'anno precedente. Questo "cocktail" ha impedito al settore di poter funzionare a pieno regime. Secondo Wyrsch, sono poche le strutture che hanno dovuto prendere la decisione di chiudere. Altre sono però state costrette ad annullare eventi importanti come le feste di Capodanno.

Si chiede di abbreviare il periodo di quarantena

Economicamente la situazione non è ancora drammatica. In termini di fatturato il mese di dicembre è risultato molto positivo. Ora, in gennaio, ci troviamo in un periodo più tranquillo.

A questo punto sarà determinante che gli effettivi del personale degli alberghi possano essere rimpolpati adeguatamente in vista dell'ultima decade del mese di gennaio. "se non dovesse essere possibile, gli alberghi ne subirebbero conseguenze molto serie", ha evidenziato il presidente del settore alberghiero retico, aggiungendo che "vivremo una stagione invernale costantemente al cardiopalma".

Hotelleriesuisse Grigioni chiede a questo punto la riduzione del periodo di quarantena a cinque giorni e l'isolamento a sette giorni. In questo modo, potrebbero essere diminuite le assenze del personale. "Questo ci aiuterebbe molto", ha sottolineato Wyrsch.

Ottimismo presso GastroGrigioni

Per il presidente di GastroGrigioni Franz Caluori la situazione non è così drammatica. Nel settore della ristorazione la variante Omicron è presente ovunque. Secondo Caluori, sono dodici i ristoranti grigionesi che hanno dovuto chiudere a causa del personale assente per malattia. Numerose strutture hanno invece limitato parte delle loro attività a causa di uno scarso effettivo di personale. Il problema si presenta in tutto il cantone, in modo più acuto in Engadina e a Davos.

"La situazione non è tuttavia terribile", ha spiegato Caluori all'agenzia di stampa Keystone-ATS. "Sta accadendo proprio nel momento più opportuno, quando la stagione natalizia è terminata e il numero di ospiti è diminuito. Dal punto di vista economico le chiusure attuali sono quindi sostenibili".

Per quanto riguarda il resto della stagione invernale, il presidente di GastroGrigioni si dichiara ottimista: "Tra due settimane, in occasione delle prime vacanze sportive, dovremo affrontare la prossima sfida. Per allora, l'ondata Omicron dovrebbe placarsi e permetterci una buona ripartenza".

Grigione Ats
ATS
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter
Commenta questo articolo


avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Il Grigione Italiano

Strada S. Bartolomeo 1A
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.