Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Sponsor Jenny

Concorso caccia 2020 telefonino bb9f0

  • Home
  • Articoli
  • Bilancio positivo per il Frontiere Festival Piuro
7a937707 5e65 4b8e 9f0e 2fdf101de743 1470d

Bilancio positivo per il Frontiere Festival Piuro

Si è conclusa domenica sera la prima edizione del Frontiere Festival Piuro promosso e curato da Gabriela Jacomella insieme all’amministrazione comunale di Piuro e gli organizzatori non hanno dubbi: la formula è quella giusta e la si riproporrà anche in futuro. 

In tempi di emergenza coronavirus ogni evento è una scommessa e, per quelli inediti, tutto è ancora più difficile. Ma già dopo le prime ore del festival i partecipanti hanno capito di essere di fronte a una manifestazione in grado di esprimere lo spirito di un territorio che ha fatto della cultura, insieme al paesaggio e all’enogastronomia, il piatto forte dell’offerta turistica.  

Frontiere Festival Piuro è un appuntamento dedicato al tema dei confini, reali o immaginari, alla sfida che rappresentano e al loro superamento. La Val Bregaglia è una realtà di confine per eccellenza, da sempre caratterizzata da un flusso costante di persone, merci e idee. È da questo che è nata la scommessa, in un momento storico che sembra spingerci alla chiusura e all'isolamento, di dedicare un festival culturale al tema della frontiera, in tutte le sue accezioni e le declinazioni possibili: è frontiera l’arco alpino, ma lo sono anche il linguaggio, la parola e l'arte. E tutti questi elementi, da venerdì a domenica, sono stati protagonisti nelle manifestazioni che, complessivamente, hanno coinvolto ben 700 persone. 

Sul palco delle cascate e del teatro parrocchiale sono saliti scrittori, poeti, registi ed esperti tutti di altissimo livello,  provenienti dall’Italia e dalla Svizzera: Alessandra Carati, Enrico Camanni, Maurizio Folini, Bruno Tognolini, Fabio Andina, Andrea Fazioli, Ilaria Gaspari, Michele Cecchini, Sabrina Paravicini e Nino Monteleone. 

A Belfort si è discusso di arte con Giacomo Massari e Filippo Tincolini di RoboTor, robot antropomorfo in grado di scolpire il marmo, e con gli artisti Bruno Baldari, Roberto Bricalli, Daniele Carpi, Kyoji Nagatani e Pamela Napoletano, che hanno esposto le proprie opere nell’antico palazzo restaurato dall’Associazione italo-svizzera per gli scavi di Piuro.  

Sono stati molto apprezzati, soprattutto dai bambini, i laboratori (in collaborazione con Atelier Uova d'Oro e con Rossella Gusmeroli) che hanno permesso di partecipare a lezioni di giocoleria, yoga e macramé e di raccogliere i piccoli frutti nell’azienda agricola La muracca di Borgonuovo. 

«La sfida più grande è stata quella di proporre una manifestazione completamente nuova, basata sull’incontro con autori e su laboratori dedicati a un pubblico di tutte le età - dichiara Alessandra Martinucci, vicesindaco del Comune di Piuro -. Lo abbiamo fatto in un momento molto difficile e ci sono ampi margini di miglioramento per il futuro, ma il bilancio è assolutamente positivo». 

Nel corso del Frontiere Festival Piuro è stato presentato il progetto Un alpeggio che vibra. Nelle frazioni montane di Savogno e Dasile un gruppo di ragazze e ragazzi dell’Opera don Guanella ha  vissuto un’esperienza lavorativa occupandosi della cura di sentieri, baite e alpeggi.  Alla giornata finale ha partecipato anche Alessandra Locatelli, assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari Opportunità.  «Sono stata felicissima di assistere alla presentazione di questo progetto inclusivo, che permette ai ragazzi di vivere in una dimensione fatta di lavoro e condivisione - commenta l’assessore Locatelli -. Un’esperienza che permette ai partecipanti di esprimere le proprie emozioni e di sentirsi responsabili e parte di un gruppo. Ho apprezzato molto la capacità del Comune di Piuro di accogliere anche le persone più fragili. Di cultura, unita all’inclusione e alla sensibilizzazione nei confronti di queste tematiche, abbiamo tanto bisogno. Trovare tutto qui, in un piccolo comune, è fonte di immenso piacere. Sul territorio lombardo ci sono tante esperienze sorprendenti, dove i cittadini sono in grado di dare tantissimo alla propria comunità. È proprio questa forza che ci ha permesso di rialzare la testa dopo un periodo difficilissimo».

L’obiettivo degli organizzatori è quello di riproporre il Frontiere Festival Piuro e di trasformarlo in un appuntamento annuale. «La partecipazione così sentita del pubblico ha confermato che questo tema e questa formula sono in grado di coinvolgere in maniera trasversale, oltre ogni barriera (è proprio il caso di dirlo) di età, interessi, provenienza, cultura  - commenta Gabriela Jacomella, ideatrice della manifestazione -. Abbiamo creato un progetto dall'identità forte, e questa prima edizione ci ha dato lo slancio necessario per riprendere subito in mano le fila del discorso, e iniziare a lavorare all'edizione 2022. I primi spunti e le prime idee sono già in marcia..." 

Ma intanto, fra poco meno di un mese, giovedì 5 agosto, ci sarà il nuovo appuntamento di Frontiere Festival Futuro. La giornata prenderà il via alle 17 presso i locali di InfoPiuro con. Silvia Montemurro, autrice del romanzo L’orchestra rubata di Hitler. Alle 19 Tino Mantarro, giornalista e scrittore, presenterà il suo volume di viaggi Nostalgistan e al chiosco del birrificio Legnone si terrà l’aperitivo di Frontiera con Slow Food/Condotta della Mera.  

Alle 21 il direttore Beatrice Venezi - direttore dell'Orchestra della Toscana e dell'Orchestra Milano Classica, nota nei teatri di tutto il mondo e quest'anno co-conduttrice del Festival di Sanremo - dirigerà l’Orchestra Antonio Vivaldi e il violoncello solista Enrico Graziani su musiche di Haendel. La cornice, ancora una volta, è quella splendida delle cascate dell'Acqua Fraggia e del loro parco, sede naturale e scenografica del Frontiere Festival Piuro.  

Stefano Barbusca
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter
Commenta questo articolo


avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Strada S. Bartolomeo 1A
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.