Leggere

Versione completa

Non sei abbonato? Scegli un abbonamento
Sponsor Jenny

Concorso caccia 2020 telefonino bb9f0

Iz3krNWQ 1aa8f

Trent'anni fa il ritorno del gipeto barbuto

La reintroduzione del gipeto barbuto in Svizzera nell'estate del 1991, dopo la sua estinzione all'inizio del secolo scorso, è una storia di successo. Da allora nel Parco Nazionale Svizzero 23 coppie di grandi rapaci hanno messo al mondo 129 pulcini.

Come comunica oggi la direzione del Parco Nazionale Svizzero, la reintroduzione del gipeto barbuto è stata possibile grazie ad un progetto internazionale. Infatti i primi tre esemplari, di nome Settschient, Moische und Margunet, liberati il 5 giugno 1991 all'interno del parco con sede a Zernez (GR), sono nati a Berlino e a Vienna.

Nell'arco alpino vivono attualmente circa 300 esemplari e poco meno della metà si sono insediati nel Parco Nazionale Svizzero. Quello che un tempo era chiamato "avvoltoio degli agnelli", e praticamente estinto con l'ultima uccisione di un esemplare nel 1913, oggi nei Grigioni ha ritrovato un habitat ideale, ricco di cadaveri di ungulati di cui cibarsi. Inoltre la conformazione geologica delle rocce, di carattere dolomitico, favorisce un'eccellente collocazione dei nidi.

Per il guardiano del Parco Nazionale Svizzero Reto Strimer, uno responsabili del progetto "Gipeto Barbuto", la reintroduzione del rapace è stata facilitata grazie alle esperienze maturate in Austria, dal consenso della popolazione locale e dalla buona comunicazione mediatica in generale. Secondo Strimer non va dimenticato nemmeno il grande e contagioso entusiasmo dell'allora direttore del Parco Nazionale Klaus Robin.

Grigione Ats
ATS
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Submit to FacebookSubmit to Twitter
Commenta questo articolo


avanguardia menghini 3c5c4

La Tipografia Menghini
stampa in Valposchiavo

Tipografia Menghini
Da sempre all'avanguardia

Il Grigione Italiano

Via Ponte San Bartolomeo
CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 01 63
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.